Vicks sinex spray nas. fl

Vicks sinex spray nas. fl è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

VICKS SINEX spray nasale

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Oximetazolina

PRINCIPI ATTIVI:

Ossimetazolina cloridrato 0,0500 % p/v

ECCIPIENTI:

Levomentolo, sodio citrato biidrato, polimero dell'isottilpoliossietilfenolo (tiloxapolo), acido citrico anidro, clorexidina gluconato, benzalconio cloruro, canfora, acido etilendiamminotetracetico (sale disodico), eucaliptolo, idrossido di sodio, acqua purificata.

INDICAZIONI:

Decongestionante della mucosa nasale, specie in caso di raffreddore.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' nota verso i componenti del prodotto, ipertrofia prostatica, malattie cardiache ed ipertensione arteriosa gravi. Non somministrare durante e nelle due settimane successive a terapia con farmaciantidepressivi (IMAO). Il farmaco e' controindicato nei bambini di eta' inferiore ai 12 anni.

POSOLOGIA:

Adulti e bambini oltre i 12 anni : 1-2 spruzzi per narice ogni 6-8 ore, salvo diversa indicazione del medico. Tenere il flacone in posizioneverticale, introdurre nella narice la sua estremita' e premere con moto rapido e deciso. Dopo l'applicazione, inspirare profondamente a bocca chiusa.

CONSERVAZIONE:

Nessuna.

AVVERTENZE:

Glaucoma, ipertiroidismo. Impiegare con cautela nei primi mesi di gravidanza e, per il pericolo di ritenzione urinaria, negli anziani. Comunque, in assenza di risposta terapeutica completa entro pochi giorni, consultare il medico; in ogni caso, il trattamento non deve essere protratto per oltre 4 giorni. Attenersi con scrupolo alle dosi consigliate. Il prodotto va tenuto lontano dalla portata dei bambini, poiche' l'ingestione accidentale puo' provocare sedazione spiccata. Non deve essere usato oralmente. Evitare il contatto del liquido con gli occhi.

INTERAZIONI:

Esiste la possibilita' di interazione con farmaci anti-MAO per cui sisconsiglia l'uso durante o nelle due settimane successive a trattamento con farmaci anti-MAO.

EFFETTI INDESIDERATI:

Il prodotto se accidentalmente ingerito o se impiegato per lungo periodo in dosi eccessive, puo' determinare fenomeni tossici. Il prodotto puo' determinare localmente fenomeni di sensibilizzazione, e congestione delle mucose di rimbalzo. Per rapido assorbimento dell'ossimetazolina attraverso le mucose infiammate, si possono verificare effetti sistemici consistenti in ipertensione arteriosa, bradicardia riflessa, cefalea, disturbi della minzione. L'uso protratto dei vasocostrittori puo'alterare la normale funzione della mucosa del naso e dei seni paranasali, inducendo anche assuefazione al farmaco. Ripetere le applicazioniper lunghi periodi puo' risultare dannoso. L'uso, specie se prolungato, dei prodotti topici puo' dare luogo a fenomeni di sensibilizzazione; in tal caso e' necessario interrompere il trattamento e istituire una terapia idonea.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Usare con cautela nei primi mesi di gravidanza.