Ultralan cr idrof

Ultralan cr idrof è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Corticosteroidi, non associati.

INDICAZIONI:

Tutte le affezioni cutanee che rispondono ad un trattamento corticoideo locale, quali: eczema acuto e cronico (di natura tossica od allergica), eczema umido, eczema microbico, eczema da stasi delle gambe, eczema professionale, neurodermiti (eczema endogeno, eczematide essudativatardiva), eczema infantile, dermatiti allergiche (in casi di allergiaper i fiori, saponi, prodotti chimici, ecc.), ustioni di primo grado,eritema solare, prurito vulvare od anale, eritrodermia, lupus eritematoso cronico, psoriasi, lichen ruber planus e verrucosus.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso uno dei componenti. Presenza nella zona da trattare di processi tubercolari, luetici o virali (pustole vacciniche, varicella, herpes zoster, herpes simplex oculare o della cute adiacente). In presenza di rosacea o dermatite periorale, Ultralan non deve essere applicato al viso. Generalmente controindicato in gravidanza e durante l'allattamento.

POSOLOGIA:

Spalmare due volte al giorno, in strato sottile, massaggiando leggermente. In caso di gravi processi morbosi si raccomanda di applicare Ultralan crema idrofoba tre volte nel corso del primo giorno di cura. Subito dopo la riduzione della sintomatologia Ultralan crema idrofoba verra' applicato solo una volta al giorno; in seguito, in caso di trattamento protratto, bastera' una applicazione ogni due o tre giorni. La psoriasi, il lichen ruber ed altri processi morbosi, caratterizzati da ispessimento della pelle, che risultino particolarmente resistenti allaterapia, richiedono l'applicazione di una fasciatura con un foglio impermeabile (bendaggio occlusivo) o, in mancanza di esso, con normale garza. La fasciatura va fissata sulle parti sane della cute circostantela zona malata. Qualora nel corso del bendaggio occlusivo insorgesseroeventuali infezioni (ad es. follicolite miliare, piodermiti), occorresospendere l'uso della fasciatura e ricorrere, se necessario, ad unaterapia antibatterica locale o generale. Evitare in ogni caso, se possibile, l'uso della fasciatura occlusiva per estese regioni cutanee. Lattanti e bambini di eta' inferiore ai 4 anni dovrebbero essere trattati per periodi di tempo non superiori a 3 settimane, specie in caso diapplicazione su regioni coperte da pannolini.

INTERAZIONI:

Non segnalate.

EFFETTI INDESIDERATI:

Nel corso del trattamento con Ultralan crema idrofoba di estese aree cutanee (circa il 10% e piu' della superficie corporea) e/o in caso diimpiego prolungato (oltre le 4 settimane), specie sotto bendaggio occlusivo, possono verificarsi, come per gli altri cortisonici, effetti indesiderati a livello locale, quali : atrofie cutanee, telangectasie, strie, manifestazioni acneiformi, dermatite periorale, aumentata crescita di peli corporei (ipertricosi), follicolite, eruzioni simil-rosaceaal viso. Possono inoltre verificarsi irritazione, prurito, sensazionedi bruciore, iperestesia ed eritema. In rari casi possono intervenirereazioni allergiche cutanee. La comparsa di effetti collaterali sistemici (comunemente legati al trattamento corticosteroideo per via generale) e' da ritenersi infrequente. Tuttavia, tali effetti indesiderati,conseguenti ad assorbimento sistemico del prodotto, non possono essere esclusi, specialmente in neonati le cui madri siano state trattate su aree estese o per periodi prolungati durante la gravidanza o la lattazione (per esempio, si puo' produrre una soppressione reversibile dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene con riduzione della funzionalita' surrenalica a seguito di applicazione nelle ultime settimane di gravidanza).