Ulis

Ulis è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antagonista dei recettori istaminici H2, inibisce la secrezionegastrica sia basale che indotta, riducendo la produzione cloridrope-ptica. Riduce la secrezione di pepsina attraverso una inibizionecompetitiva a livello dei recettori H2.

INDICAZIONI:

Ulcera peptica gastroduodenale. Esofagite da reflusso. Sindrome diZollinger Ellison. In tutte le sindromi da ipersecrezione acida farma-co indotta (Fans).

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Gravidanza, allattamento, fenilchetonuria, grave insufficienza epati-ca.

POSOLOGIA:

ADULTI. Compresse de 200 mg. Ulcere gastriche e duodenali, gastriti croniche ipertrofiche e gastroduodeniti solo se accompagnate da ipersecrezione acida gastrica: 1 compressa al mattino, a pranzo, a cena e 2 compresse prima di coricarsi (800 mg al giorno). Il trattamento deve essere continuato per almeno 4 settimane, anche se la sintomatologia dolorosa scompare prima. Capsule da 400 mg e Bustine da 400 mg. Ulcere gastriche e duodenali, gastriti croniche ipertrofiche e gastroduodeniti solo se accompagnate da ipersecrezione acida gastrica: come terapia dimantenimento 1 capsula o bustina alla sera, oppure 1 capsula o bustinaalla mattina e 1 prima di coricarsi. Esofagiti peptiche, sindrome diZollinger-Ellison ed altri casi di secrezione gastrica molto elevata:1 capsula o 1 bustina quattro volte al giorno. Compresse da 800 mg e bustine da 800 mg. 1 compressa o 1 bustina alla sera, prima di coricarsi. BAMBINI. Nei casi in cui si ritiene essenziale l'inibizione della secrezione gastrica, utilizzare il farmaco a dosi di 20-40 mg/Kg/die, suddivisi nella giornata.

INTERAZIONI:

Prolunga l'effetto di warfarin, fenitoina, teofillina, betabloccanti ediazepam. L'assorbimento puo' diminuire se si somministrano contempo-raneamente antiacidi.

EFFETTI INDESIDERATI:

Disturbi a carico del S.N.C. specie a dosaggi elevati. Inoltre febbre,diarrea, vertifgini, eruzioni cutanee su base allergica, bradicardia,extra-sistoli atriali e ventricolari, fibrillazione atriale, tachicar-dia ventricolare e fibrillazione ventricolare, alterazione della libi-do e impotenza, ginecomastia. Raramente: nefrite interstiziale, epati-te colostatica, pancreatite, alopecia, modesti incrementi della crea-tinina e delle transaminasi sieriche, leucopenia e neutropenia transi-toria, raramente trombocitopenia, anemia aplastica.