Spiramicina mg

Spiramicina mg è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

SPIRAMICINA MYLAN GENERICS

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Macrolidi, lincosamidi e streptogramine.

PRINCIPI ATTIVI:

Spiramicina 3.000.000 U.I.

ECCIPIENTI:

Idrossipropilcellulosa; crospovidone; silice precipitata; magnesio stearato; sodio laurilsolfato; copolimeri metacrilici; triacetina; talco;titanio biossido; polietilenglicole 4000; lattosio.

INDICAZIONI:

La spiramicina trova indicazione nelle infezioni da germi sensibili. Infezioni del cavo orale: parodontopatie e gengiviti, coadiuvante nel trattamento della piorrea alveolare. Infezioni delle vie respiratorie:rinofaringiti, angine, laringiti, otite media, bronchiti, broncopolmoniti, polmoniti, ascessi polmonari, empiemi. Infezioni varie: pertosse,erisipela, scarlattina, gonorrea. Infezioni dei tessuti molli: piodermiti, foruncolosi, ascessi, piaghe infette. Trattamento delle complicanze batteriche broncopolmonari dell'influenza e delle malattie esantematiche.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso i componenti o sostanze strettamente correlatidal punto di vista chimico.

POSOLOGIA:

>>Adulti. La dose giornaliera e' abitualmente di 2-3 compresse da 3.000.000 U.I. ripartite in 2-3 somministrazioni. Le compresse devono essere ingerite, senza masticarle, con abbondante liquido. >>Bambini. La posologia quotidiana varia da 150.000 a 225.000 U.I./Kg peso corporeo aseconda della gravita' dell'affezione da trattare: tale dose deve essere ripartita in 3/4 somministrazioni. Il trattamento deve essere continuato per almeno 48 ore dopo la scomparsa dei segni clinici o batteriologici dell'infezione.

CONSERVAZIONE:

Non previste.

AVVERTENZE:

E' sempre raccomandabile, durante i trattamenti prolungati con dosi elevate, eseguire controlli periodici della crasi ematica e della funzionalita' epatica. La spiramicina non raggiunge nel liquido cerebro-spinale livelli terapeuticamente utili pertanto e' inefficace nel trattamento delle meningiti. Non e' necessario modificare la posologia in casodi insufficienza renale dato che la molecola attiva non viene eliminata per via renale.

INTERAZIONI:

Il farmaco puo' interagire con la Levodopa. In caso di assunzione contemporanea informarne il medico per istituire una sorveglianza clinicaed eventualmente adattare la posologia della Levodopa. Il farmaco appartiene alla famiglia dei macrolidi, per la quale sono stati osservatifenomeni di ischemia in caso di uso simultaneo con vasocostrittori derivati dalla segale cornuta (diidroergotamina, ergotamina). Tuttavia non e' stato segnalato alcun caso derivante dall'uso della spiramicina.E' possibile resistenza crociata con oleandomicina, eritromicina e conmacrolidi in genere.

EFFETTI INDESIDERATI:

Tra gli effetti indesiderati sono da annoverare dolori gastrici, nausea, vomito, diarrea e reazioni di tipo allergico.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Nelle donne in caso di gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessita', sotto il controllo del medico. La spiramicina e' escreta nel latte materno, pertanto e' controindicato l'allattamento in caso di trattamento con il medicinale.