Rovamicina

Rovamicina è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antibatterico sistemico, macrolide.

INDICAZIONI:

Infezioni del cavo orale: parodontopatie e gengiviti, coadiuvante neltrattamento della piorrea alveolare. Infezioni delle vie respiratorie:rinofaringiti, angine, laringiti, otite media, bronchiti, broncopolmoniti, polmoniti, ascessi polmonari, empiemi. Infezioni varie: pertosse, erisipela, scarlattina, gonorrea. Infezioni dei tessuti molli: piodermiti, foruncolosi, ascessi, piaghe infette. Trattamento delle complicanze batteriche broncopolmonari dell'influenza e delle malattie esantematiche.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

POSOLOGIA:

Adulti: 2-3 compresse da 3.000.000 U.I. ripartite in 2-3 somministrazioni; devono essere ingerite, senza masticarle, con abbondante liquido.Bambini: varia da 150.000 a 225.000 U.I./kg peso corporeo a seconda della gravita' dell'affezione da trattare: tale dose deve essere ripartita in 3/4 somministrazioni. Il trattamento deve essere continuato peralmeno 48 ore dopo la scomparsa dei segni clinici o batteriologici dell'infezione. Non sono stati effettuati studi in pazienti con funzionalita' renale alterata; tuttavia, poiche' solo una piccola porzione difarmaco viene eliminata per via renale, (orale ed e.v.) quindi non e'necessario alcun adattamento del dosaggio.

AVVERTENZE:

E' sempre raccomandabile, durante i trattamenti prolungati con dosi elevate, eseguire controlli periodici della crasi ematica e della funzionalita' epatica. La spiramicina non raggiunge nel liquido cerebro-spinale livelli terapeuticamente utili pertanto e' inefficace nel trattamento delle meningiti. Sono stati riportati rari casi di emolisi acuta in pazienti con deficienza della glucosio 6-fosfato deidrogenasi; l'usoin questa popolazione di pazienti non e' pertanto raccomandato.

INTERAZIONI:

E' possibile resistenza crociata con oleandomicina, eritromicina e conmacrolidi in genere. Inibizione dell'assorbimento della carbodopa condecremento del livello plasmatico della levodopa. Dove necessario, ipazienti devono essere attentamente monitorati ed il dosaggio della levodopa deve essere corretto. Non sono note interazioni medicamentose con altri farmaci.

EFFETTI INDESIDERATI:

Effetti gastrointestinali: nausea, vomito, diarrea e rari casi di colite psuedomembranosa sono stati riportati per le forme orali. Reazionidi ipersensibilita': rash, orticaria, prurito; molto raramente: edemiangioneurotici, shock anafilattico. Sistema nervoso centrale e periferico: occasionali casi di parestesia transitoria. Sono stati riportaticasi molto rari di funzionalita' epatica alterata e di emolisi acuta.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

La sicurezza sull'utilizzo della spiramicina in gravidanza non e' stata valutata in studi controllati; comunque e' stata usata per molti anni senza particolari problemi nelle donne in gravidanza. La spiramicinaviene escreta nel latte materno percio' l'utilizzo da parte di madriche allattano non e' raccomandato.