Rekord ferro os

Rekord ferro os è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Farmaco antianemico a base di ferro trivalente per il trattamento degli stati di carenza di ferro.

INDICAZIONI:

Trattamento degli stati di carenza di ferro assoluta o relativa: anemie sideropeniche latenti o conclamate dell'infanzia e dell'eta' adulta,secondarie a emorragie croniche, gravidanza, allattamento.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Emosiderosi, emocromatosi. Anemie aplastiche, emolitiche o da difettosa utilizzazione del ferro (sideroacrestiche). Pancreatite cronicao cirrosi epatica secondarie ad emocromatosi.

POSOLOGIA:

Adulti: da 1 a 2 contenitori al giorno, (equivalenti a 40-80 mg di Fe3+/die), secondo giudizio medico, suddivisi in 2 somministrazioni, preferibilmente prima dei pasti. Bambini: prelevare dal contenitore 1,5 mL/kg/die (pari a 4 mg/kg/die di Fe3+), o secondo giudizio medico, suddivisi in 2 somministrazioni, preferibilmente prima dei pasti. Il contenuto del contenitore monodose puo' essere assunto tal quale, oppure diluito in acqua naturale. Durata del trattamento: il trattamento deve essere proseguito sino a quando l'organismo ha ricostituito le sue normali scorte di ferro (solitamente due-tre mesi). Dose massima giornaliera: le prove sull'efficacia e tollerabilita' del farmaco condotte nell'uomo sono state eseguite somministrando le dosi sopra indicate (Adulti: 1600 mg/die - Bambini: 1,5 mL/kg/die di ferriprotinato); non si hanno quindi indicazioni relative all'utilizzo del farmaco a dosaggi superiori rispetto a quelli consigliati.

INTERAZIONI:

Il ferro puo' ridurre l'assorbimento o la biodisponibilita' di: tetracicline, bifosfonati, chinolonici, penicillamina, tiroxina, levodopa, carbidopa, alfa-metildopa. Va quindi assunto a distanza di almeno 2 oredall'assunzione di questi medicamenti. L'assorbimento del ferro puo'essere incrementato dalla contemporanea somministrazione di oltre 200mg di acido ascorbico, o ridotto dalla contemporanea somministrazionedi antiacidi. Il cloramfenicolo puo' ritardare la risposta alla terapia marziale. Nessuna interazione farmacologica e' stata segnalata nel corso di trattamento concomitante con H2- antagonisti. Sostanze che silegano al ferro (quali fosfati, fitati e ossalati) contenuti nelle verdure e nel latte, caffe' o te' inibiscono l'assorbimento del ferro. Vaquindi assunto a distanza di almeno 2 ore dall'assunzione di questi alimenti.

EFFETTI INDESIDERATI:

Molto raramente, ed in particolare con i dosaggi piu' elevati, possonoverificarsi disturbi gastrointestinali (diarrea, stipsi, nausea, epigastralgie), che regrediscono con la sospensione del trattamento o la riduzione delle dosi. I preparati a base di ferro possono colorare le feci di nero o grigio scuro.