Prontobario sosp

Prontobario sosp è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

PRONTOBARIO SOSPENSIONE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Mezzi di contrasto radiologico, non iodati.

PRINCIPI ATTIVI:

Bario solfato.

ECCIPIENTI:

Gomma Xanthan, aroma fragola, sodio benzoato, simeticone, aroma vanillina e panna, acido citrico monoidrato, saccarina sodica biidrata, acido solforico, acqua depurata.

INDICAZIONI:

Studio radiologico del tratto gastrointestinale.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Non deve essere utilizzato qualora si sospetti la perforazione o l'ostruzione di un qualsiasi segmento del tratto gastrointestinale e nei casi di ipersensibilita' verso il solfato di bario e/o verso uno degli eccipienti.

POSOLOGIA:

Il prodotto prelevato direttamente dal contenitore dopo adeguata agitazione, protratta per un tempo congruo all'ottenimento di una sospensione omogenea, va somministrato senza alcuna diluizione. Il prodotto puo' essere somministrato direttamente per via orale, per sonda naso-oro-intestinale o per via rettale. La quantita' da somministrare dipende dal quesito diagnostico e dal segmento del tratto gastrointestinale daesaminare. Normalmente puo' essere considerata sufficiente una dose da200-250 ml per l'esame dello stomaco; per l'esame radiologico dell'intestino tenue puo' ritenersi adeguata una quantita' di 500 ml; per l'indagine radiologica del colon (clisma) puo' essere adeguata la somministrazione di una quantita' variabile tra i 600 e i 1500 ml. Inoltre lascelta delle dosi somministrate dipende dalla valutazione che nasce dall'esperienza del radiologo. Nei bambini la posologia va adeguata inbase all'eta', al peso corporeo ed al sospetto diagnostico. Agitare bene prima dell'uso.

CONSERVAZIONE:

Non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. Conservare a temperatura non superiore a 25 gradi C. La data di scadenza indicata si riferisce al confezionamento integro, correttamente conservato.

AVVERTENZE:

Nulla da segnalare.

INTERAZIONI:

Nessuna.

EFFETTI INDESIDERATI:

Gli effetti indesiderati sono correlabili a errori di procedura o a patologie concomitanti.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Non e' di per se stesso controindicato in gravidanza, mentre e' noto che l'indagine radiologica puo' essere dannosa per il feto, in modo particolare nella fase di organogenesi. Puo' essere usato durante l'allattamento.