Micotef

Micotef è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antimicrobico ed antisettico.

INDICAZIONI:

Infezioni vulvo-vaginali micotiche (pure o miste) e da batteri gram-positivi (primitive o secondarie).

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso uno dei componenti del prodotto.

POSOLOGIA:

MICOTEF 100 mg ovuli vaginali. Introdurre in vagina 1 ovulo la mattinae 1 la sera prima di coricarsi, o secondo giudizio medico. Il trattamento deve essere proseguito per almeno 15 giorni. Si consiglia il contemporaneo trattamento del partner con pomata dermatologica antimicotica. MICOTEF 2% crema vaginale. Introdurre profondamente in vagina il contenuto dell'applicatore (circa 5 g di pomata) una volta al giorno, preferibilmente la sera prima di coricarsi. Il trattamento deve essere proseguito per almeno 10-15 giorni, anche dopo la scomparsa del pruritoe della leucorrea. MICOTEF 400 mg capsule vaginali. Introdurre in vagina una capsula, la mattina o la sera prima di coricarsi, o secondo giudizio medico. Il trattamento deve essere protratto per almeno 4 giorni; in caso di necessita' ripetere il ciclo terapeutico. Si consiglia il contemporaneo trattamento del partner con pomata dermatologica antimicotica.

AVVERTENZE:

I preparati per uso topico, specie se usati per trattamenti prolungati, possono dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In questi casie' necessario interrompere il trattamento ed istituire una terapia idonea.

INTERAZIONI:

Il miconazolo, somministrato per via sistemica, puo' far aumentare l'effetto anticoagulante dei farmaci cumarinici: pertanto, in caso di usocontemporaneo di MICOTEF e farmaci cumarinici, occorre determinare con esattezza l'effetto anticoagulante di questi ultimi, allo scopo di ridurre eventualmente la dose del cumarinico.

EFFETTI INDESIDERATI:

Sono stati riferiti alcuni disturbi quali bruciore ed irritazione vaginale, arrossamento e prurito, crampi pelvici e piu' raramente, cefaleaed eruzioni cutanee. In questi casi e' necessario interrompere il trattamento ed istituire una terapia idonea.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Nelle donne in stato di gravidanza e durante l'allattamento, il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessita', sotto il direttocontrollo del medico.