Frilans

Frilans è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Inibitore della pompa protonica.

INDICAZIONI:

Trattamento dell'ulcera gastrica e duodenale. Trattamento dell'esofagite da reflusso. Profilassi dell'esofagite da reflusso. Trattamento delle ulcere gastriche e duodenali benigne associate all'uso di FANS in pazienti che necessitano di un trattamento continuativo a base di quest'ultimi. Profilassi delle ulcere gastriche e duodenali associate all'uso di FANS in pazienti a rischio che necessitano di una terapia continuata. Malattia da reflusso gastroesofageo sintomatica. Sindrome di Zollinger-Ellison.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Non deve essere somministrato con atazanavir.

POSOLOGIA:

Per ottenere un effetto ottimale, deve essere assunto una volta al giorno al mattino, almeno 30 minuti prima del cibo e le capsule devono essere deglutite intere con del liquido. Per i pazienti con difficolta'di deglutizione possono essere svuotate ma il contenuto non deve essere ne' masticato ne' frantumato. Trattamento dell'ulcera duodenale: 30mg una volta al giorno per 2 settimane e per i pazienti che non hannoottenuto una guarigione completa in questo lasso di tempo il trattamento puo' essere prolungato alla stessa dose per altre 2 settimane. Trattamento dell'ulcera gastrica: 30 mg una volta al giorno per 4 settimane; l'ulcera solitamente guarisce entro 4 settimane, ma quei pazienti che non hanno ottenuto una guarigione in questo lasso di tempo, il trattamento puo' essere prolungato alla stessa dose per altre 4 settimane.Esofagite da reflusso: 30 mg una volta al giorno per 4 settimane e per i pazienti che non hanno ottenuto una guarigione completa in questolasso di tempo il trattamento puo' essere prolungato alla stessa doseper altre 4 settimane. Profilassi dell'esofagite da reflusso: 15 mg una volta al giorno e se necessario la dose puo' essere aumentata fino a30 mg al giorno. Trattamento delle ulcere gastriche e duodenali benigne associate all'uso di FANS in pazienti che necessitano di un trattamento continuativo con quest'ultimi: 30 mg una volta al giorno per quattro settimane. In pazienti non completamente cicatrizzati il trattamento puo' essere continuato per altre quattro settimane. Per pazienti arischio o con ulcere difficili da cicatrizzare, si deve probabilmenteprolungare il trattamento e/o utilizzare una dose piu' alta. Profilassi delle ulcere gastriche e duodenali associate all'uso di FANS in pazienti a rischio che richiedono un trattamento prolungato con FANS: 15 mg una volta al giorno e se il trattamento non ha successo deve essereutilizzata la dose di 30 mg una volta al giorno. Trattamento sintomatico della malattia da reflusso gastroesofageo: 15 mg o 30 mg al giorno(il sollievo dei sintomi si ottiene rapidamente). Deve essere considerato l'aggiustamento individuale del dosaggio. Se i sintomi non si risolvono entro 4 settimane con una dose giornaliera di 30 mg, si raccomandano ulteriori esami. Sindrome di Zollinger-Ellison: 60 mg una volta al giorno. Deve essere aggiustata individualmente ed il trattamento deve essere prolungato secondo necessita'. Sono state impiegate dosi giornaliere fino a 180 mg. Se la dose giornaliera richiesta supera i 120 mg, questa deve essere somministrata in due dosi separate. Ridotta funzionalita' epatica o renale: non e' necessario adattare il dosaggio. Ipazienti con malattia epatica moderata o severa devono essere monitorati regolarmente e si raccomanda una riduzione del 50% della dose giornaliera. A causa della clearance ridotta di lansoprazolo negli anzianipuo' essere necessario un aggiustamento della dose in base alle necessita' individuali. L'uso non e' raccomandato nei bambini poiche' i daticlinici sono limitati.

AVVERTENZE:

Deve essere esclusa la possibilita' di tumori gastrici maligni quandosi tratta un'ulcera gastrica con lansoprazolo in quanto questo puo' mascherare i sintomi e ritardare la diagnosi. Il lansoprazolo deve essere usato con cautela in pazienti con disfunzione epatica moderata e severa. Ci si puo' attendere che la diminuita acidita' gastrica possa causare un aumento della quantita' gastrica di batteri normalmente presenti nel tratto gastrointestinale ed il trattamento puo' lievemente aumentare il rischio di infezioni. In pazienti affetti da ulcere gastro-duodenali, si deve considerare la possibilita' di infezione da H.pyloricome un fattore eziologico. A causa dei limitati dati di sicurezza peri pazienti in trattamento di mantenimento per piu' di un anno si deveeffettuare regolarmente un controllo e la valutazione completa del rischio/beneficio. Sono stati riportati molto raramente casi di colite in pazienti che assumono lansoprazolo; quindi, in caso di diarrea severa e /o persistente si deve considerare l'interruzione del trattamento.Il trattamento per la prevenzione di ulcere peptiche di pazienti chehanno bisogno di un trattamento continuo con FANS deve essere limitatoper i pazienti ad alto rischio (es. precedente sanguinamento gastrointestinale, perforazione o ulcera, eta' avanzata, uso concomitante di medicinali che aumentano la possibilita' di eventi avversi del tratto gastrointestinale superiore, presenza di un fattore di grave co-morbidita' o uso prolungato di FANS alle dosi massime raccomandate). Dato cheil medicinale contiene saccarosio, i pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, malassorbimento di glucosio-galattosio o insufficienza di saccarosio-isomaltosio non devono assumere il prodotto.

INTERAZIONI:

Il farmaco puo' interferire con l'assorbimento di farmaci laddove il pH gastrico e' critico per la loro biodisponibilita'. Effetti di lansoprazolo sui farmaci. Causa una sostanziale diminuzione all'esposizionead Atazanavir. La presenza di acido gastrico determina un aumento dell'assorbimento di ketoconazolo ed itraconazolo da parte del tratto gastrointestinale e la somministrazione del prodotto puo' portare a concentrazioni sub-terapeutiche entrambi. Puo' portare ad un aumento dei livelli plasmatici di digossina. Puo' aumentare le concentrazioni plasmatiche dei farmaci metabolizzati da CYP3A4. Riduce le concentrazioni plasmatiche di teofillina, che puo' diminuire l'effetto clinico atteso per quella dose. Aumenta le concentrazioni plasmatiche di tacrolimus (unCYP3A e substrato P-gp). Inibisce il trasporto della proteina P-glicoproteina (P-gp) in vitro ma la rilevanza clinica non e' conosciuta. Effetti di altri farmaci su lansoprazolo. Fluvoxamina: aumenta fino a 4volte le concentrazioni plasmatiche del prodotto. Gli enzimi induttoriche influenzano CYP2C19 e CYP3A4 come rifampicina ed erba di San Giovanni (Hypericum perforatum) possono ridurre marcatamente le concentrazioni plasmatiche del farmaco. Sucralfato/antiacidi: possono diminuirnela biodisponibilita' quindi lansoprazolo deve essere assunto almeno un'ora dopo aver preso questi farmaci. Non e' stata dimostrata alcuna interazione clinicamente significativa con i farmaci antinfiammatori non steroidei, sebbene non siano stati condotti studi formali di interazione.

EFFETTI INDESIDERATI:

Frequenze: comune (>1/100 1/1,000 1/10,000

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Non sono disponibili per lansoprazolo dati clinici sull'esposizione ingravidanza quindi l'uso non e' raccomandato. Non e' noto se venga escreto nel latte materno. La decisione se continuare/interrompere l'allattamento al seno o continuare/interrompere la terapia con lansoprazolodeve essere presa tenendo in considerazione il beneficio per il bambino per la madre.