Expose

Expose è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

EXPOSE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Miorilassanti ad azione centrale.

PRINCIPI ATTIVI:

Eperisone cloridrato.

ECCIPIENTI:

Amido di mais, Cellulosa microcristallina, Carbossimetilcellulosa sodica reticolata, Idrossi-propilcellulosa, Calcio stearato. Film di rivestimento: Idrossipropilmetilcellulosa, Polietilenglicole 6000, Titaniobiossido, Dimeticone, Talco.

INDICAZIONI:

Spasticita' in corso di sclerosi a placche e spasticita' nelle malattie del midollo spinale di natura infettiva, degenerativa, traumatica oneoplastica. Spasticita' di origine cerebrale. Contratture muscolari secondarie a patologie osteoartromuscolari (artrosi cervicale, periartrite scapolo-omerale, lombosciatalgia, mialgie in genere).

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Gravidanza e allattamento. Insufficienza epatica grave.

POSOLOGIA:

Adulti: per il trattamento della spasticita' il dosaggio consigliato e' di 300 mg al giorno: 1 compressa da 100 mg 3 volte al giorno dopo ipasti. Per il trattamento delle patologie osteoartromuscolari il dosaggio consigliato e' di 150-300 mg al giorno, a seconda della gravita' della sintomatologia: 1 compressa da 50 mg o da 100 mg 3 volte al giorno dopo i pasti. Anziani: nei pazienti anziani, in presenza di alterazioni della funzionalita' epatica e/o renale, e' opportuno stabilire misure terapeutiche come la riduzione del dosaggio sotto stretta sorveglianza. Si consiglia di non superare il dosaggio giornaliero di 150 mg.Bambini: l'uso di Expose non e' raccomandato nei bambini a causa dellainsufficienza di dati clinici per poter stabilire le modalita' d'impiego in campo pediatrico.

CONSERVAZIONE:

Compresse rivestite con film 100 mg: conservare a temperatura non superiore a 30 gradi C.

AVVERTENZE:

In pazienti epatopatici e/o nefropatici si consiglia di monitorare lafunzionalita' epatica e/o renale. Pur non avendo osservato nell'uomo variazioni significative nei parametri ematologici e di funzionalita' epatica, si ritiene tuttavia utile procedere a controlli periodici nelcorso di terapie a lungo termine.

INTERAZIONI:

Si raccomandano particolare cautela e vigilanza da parte del medico nel caso di concomitante terapia con salicilati, poiche' i livelli ematici di questi ultimi vengono ridotti per somministrazione contemporaneadi eperisone. Analoga cautela e' suggerita nel caso di terapia concomitante con calcio antagonisti, la cui azione antiipertensiva puo' risultare potenziata.

EFFETTI INDESIDERATI:

Dal momento che possono manifestarsi shock e reazioni anafilattoidi, ipazienti devono essere seguiti attentamente. Nel caso di sintomi comearrossamento, prurito, orticaria, edema al volto o ad altre parti, edispnea, il trattamento deve essere interrotto e adottate le appropriate misure. Possono manifestarsi gravi dermopatie come la sindrome oculo-muco-cutanea (sindrome di Steven-Johnson) o la necrolisi tossica epidermica (sindrome di Lyell). Nel caso di sintomi come febbre, eritema,vescicole, prurito, congestione oculare o stomatite, etc., il trattamento deve essere interrotto e adottate le appropriate misure. Gli effetti indesiderati associati a Expose, segnalati nel corso di studi clinici e durante la sorveglianza post-marketing su oltre 12.000 pazienti,sono stati classificati per sistema d'organo e per frequenza secondolo schema seguente: molto comuni > 1/10; comuni > 1/100 < 1/10; non comuni > 1/1.000 < 1/100; rari > 1/10.000 < 1/1.000; molto rari < 1/10.000 comprese segnalazioni isolate. Esami diagnostici. Comuni: aumento dei livelli ematici di AST, ALT e fosfatasi alcalina; Non comuni: aumento dei livelli ematici dell'Azoto ureico. Patologie cardiache. Comuni:palpitazioni. Patologie del sistema emolinfopoietico. Non comuni: anemia. Patologie del sistema nervoso. Molto comuni: sonnolenza, cefalea,mente confusa; Comuni: capogiri, vertigini, alterazione dell'umore, tremore (agli arti), ipoestesia. Patologie gastrointestinali. Molto comuni: dolori addominali, diarrea, nausea, vomito, stipsi, fastidio allostomaco, dispepsia; Comuni: stomatite, gonfiore addominale. Patologierenali e urinarie. Comuni: incontinenza urinaria, ritenzione urinaria; Non comuni: sensazione di residuo urinario, proteinuria. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Molto comuni: eruzione cutanea;Comuni: prurito, iperidrosi; Molto rari: sindrome oculo-muco-cutaneo (Sindrome di Steven-Johnson), necrolisi tossica epidermica (Sindrome diLyell). Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo. Comuni: rigidita' muscolare, ipotonia. Disturbi del metabolismoe della nutrizione. Molto comuni: anoressia. Patologie vascolari. Comuni: vampate di calore. Patologie sistemiche e condizioni relative allasede di somministrazione. Molto comuni: astenia, affaticamento; Comuni: edema, sete. Disturbi del sistema immunitario. Molto rari: shock ereazioni anafilattoidi. Disturbi psichiatrici. Molto comuni: insonnia.Gli effetti indesiderati sono generalmente transitori e non necessitano di trattamento specifico.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Anche se il complesso degli studi effettuati sugli animali non mette in luce uno specifico potenziale teratogeno attribuibile all'eperisone,il farmaco e' controindicato durante la gravidanza e l'allattamento.Quando il farmaco deve essere assunto, l'allattamento deve essere interrotto.