Elett reid glu/ca fki

Elett reid glu/ca fki è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Reidratante, reintegratore elettrolitico, energetico, alcalinizzante.

INDICAZIONI:

Reintegrazione di fluidi ed elettroliti in situazioni in cui sia necessario assicurare un apporto calorico. Trattamento degli stati lievi diacidosi.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Controindicato in condizioni in cui e' presente ipercaliemia o in cuiesista ritenzione di potassio e fosfati. Nella grave insufficienza epatica (incapacita' a metabolizzare lo ione acetato). Non utilizzare nell'alcalosi metabolica e respiratoria. Controindicato nella fibrillazione ventricolare o in pazienti con intossicazione digitalica, nella ipercalcemia, se la frequenza respiratoria e' < 16 atti respiratori al minuto o se esiste insufficienza renale oligurica. Non somministrare inconcomitanza con trasfusione di sangue usando la stessa via venosa, acausa del rischio di pseudoagglutinazione e di coagulazione.

POSOLOGIA:

Per via endovenosa. La dose e' dipendente dall'eta', peso, condizionicliniche del paziente; tenere in considerazione che il fabbisogno giornaliero di potassio e' nell'adulto di circa 40-80 mEq e nel bambino 2-3 mEq/kg. La dose totale non deve eccedere i 200 mEq al giorno. Si raccomanda un frequente monitoraggio degli elettroliti. Comunque e' consigliabile somministrare a velocita' non superiore a 0,4-0,8 g/ora di glucosio per kg di peso corporeo.

INTERAZIONI:

Se utilizzato per diluire farmaci consultare il farmacista se disponibile prima di introdurre i farmaci additivi; considerare comunque le caratteristiche dei prodotti da introdurre; impiegare tecniche asettiche. Si rimanda il medico utilizzatore alla letteratura specifica.

EFFETTI INDESIDERATI:

Disturbi gastrointestinali, disturbi neuromuscolari, parestesie. A carico dell'apparato cardiovascolare: ipotensione, aritmie, disturbi della conduzione. Risposte febbrili, infezioni nella sede di iniezione, trombosi venose o flebiti. In caso di reazione avversa, interrompere lasomministrazione e conservare la parte non somministrata per eventualiesami. Il paziente e' invitato a comunicare al proprio medico o al proprio farmacista qualsiasi effetto indesiderato non decsritto nel foglio illustrativo.