Dividol

Dividol è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

DIVIDOL

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Analgesici ed antipiretici.

PRINCIPI ATTIVI:

Una capsula contiene: viminolo paraidrossibenzoato 70 mg (equivalentea 50 mg di viminolo base).

ECCIPIENTI:

Una capsula contiene: talco, magnesio stearato, lattosio. Capsula contenitrice: titanio diossido (E 171), ossido di ferro giallo (E 172), indigotina (E 132), gelatina pura.

INDICAZIONI:

Il farmaco e' indicato per il trattamento del sintomo dolore da diverse cause e a varie localizzazioni ogni qual volta esso, a giudizio delmedico, richieda un trattamento a se stante, in attesa, in alternativa, in aggiunta o in mancanza di trattamenti eziologici. Dolori osteo-articolari: artralgie, artrosi cervicale e lombosacrale, discopatie intervertebrali, fratture, lussazioni, traumi scheletrici. Dolori neuritici: ischialgia, radicoliti, polineuriti diabetiche e alcooliche, herpes. Dolori vascolari: arteriopatie obliteranti degli arti con dolore ischemico o da cancrena; coronaropatie ostruttive e infarto miocardico. Dolori viscerali: pleurodinia, pericardite, coliche addominali, annessiti, perivisceriti, crampi uterini e dolori post-partum, dolori mestruali. Dolori neoplastici: neoplasie di diversa origine e stadio evolutivo; mieloma multiplo, leucemia ed altre emopatie dolorose. Dolori diversi: cefalee non di tipo emicranico; mialgie; epulidi, osteiti mascellari e altri dolori dentari; sinusiti; stati dolorosi post-operatori.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' al principio attivo o ad altre sostanze strettamentecorrelate dal punto di vista chimico e/o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Controindicato in gravidanza e durante l'allattamento.

POSOLOGIA:

Il farmaco deve essere preso per bocca, con un po' di liquidi, alla dose di 1 o 2 capsule per volta fino a un massimo di 8 capsule (400 mg)nella giornata. E' utile iniziare il trattamento con la dose piu' bassa (1 capsula per volta) e aumentarla solo se essa non si dimostra sufficiente. L'effetto si ha di regola entro 1 ora dalla somministrazionee dura almeno 4 ore. Nei dolori cronici e' opportuno che le somministrazioni siano 3-4 regolarmente distribuite nella giornata.

CONSERVAZIONE:

Conservare a temperatura non superiore a 30 gradi C.

AVVERTENZE:

Il viminolo non altera la funzione respiratoria in condizioni clinichecorrenti; possedendo tuttavia un'azione sedativa sul centro della tosse e del respiro, se ne consiglia un uso prudente nei casi con broncopatie ostruttive croniche (specialmente con cianosi) o trattati con altri farmaci (per es. preanestetici e certi anestetici) noti come deprimenti respiratori. Nelle condizioni cliniche nelle quali il sintomo dolore ha particolare rilevanza ai fini diagnostici (per esempio sindromiaddominali acute e traumi cranici) e' da tener presente la possibilita' che il trattamento con viminolo mascheri questo sintomo. Nei casi in cui la somministrazione di viminolo provochi senso di peso allo stomaco o nausea si consiglia di prendere il farmaco a stomaco pieno. Contiene lattosio: i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di Lapp lattasi, o da malassorbimentodi glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale.

INTERAZIONI:

L'azione ipnotica dei barbiturici e' modestamente potenziata dal viminolo. Va tenuta presente la possibilita' di interazione con altri farmaci attivi sul SNC e con alcool, la cui assunzione contemporanea deve essere evitata.

EFFETTI INDESIDERATI:

Gli effetti indesiderati riportati sono principalmente collegati al meccanismo di azione del viminolo. Alterazioni del sistema nervoso. Frequenza: non nota. In alcuni casi il viminolo puo' dimostrare un lieve effetto sedativo, talora con senso di stordimento e vertigini, ma in generale non tale da disturbare la normale attivita'. Alterazioni dell'apparato gastrointestinale. Frequenza: non nota. Occasionalmente il viminolo puo' dar luogo a senso di peso allo stomaco o di nausea; in questi casi e' consigliabile prendere il farmaco a stomaco pieno. Tali disturbi non sono comunque indici di alterazioni della mucosa gastrica masolo di modificazioni della sua motilita'. Lo stesso puo' dirsi per ipossibili casi di stipsi. Alterazioni renali e delle vie urinarie. Frequenza: non nota. Difficolta' alla minzione.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Non vi sono dati adeguati circa l'uso del viminolo in donne gravide. Gli studi negli animali per la valutazione degli effetti del farmaco sulla gravidanza e/o sullo sviluppo embrio-fetale sono insufficienti. Ilfarmaco non deve essere usato in gravidanza. Il medicinale e' controindicato durante l'allattamento