Citofolin

Citofolin è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Tutti gli altri prodotti terapeutici.__

INDICAZIONI:

L'indicazione terapeutica generale del farmaco e' la correzione di unostato carenziale di folati comunque realizzatosi. Il prodotto e' quindi indicato in tutte le forme anemiche da carenza di folati dovute adaumentata richiesta, ridotta utilizzazione, insufficiente apporto dietetico di folati. Inoltre trova utilita' come antidoto di dosi eccessive di antagonisti dell'acido folico e per combattere gli effetti collaterali indotti da aminopterina o methotrexate.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso i componenti o verso altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico.

POSOLOGIA:

Puo' essere somministrato per via orale, per infusione, per via endovenosa o per via intramuscolare. Impiego nella terapia delle anemie da carenza di folati: la posologia media del prodotto per via orale puo' essere indicata in una compressa o un flaconcino (pari a 15 mg di acidofolinico) al di' o a giorni alterni secondo prescrizione medica. La via parenterale (intramuscolare o endovenosa) andra' riservata ai casiin cui non sia praticabile la via orale; i dosaggi da utilizzare saranno definiti dal medico in rapporto al quadro ematologico. Il trattamento con il farmaco deve essere prolungato sino a completa remissione dei segni clinici della carenza folica e normalizzazione del quadro ematologico. Impiego del prodotto nell'ambito di protocolli particolari dichemioterapia antiblastica con alti dosaggi di methotrexate: in basealle piu' recenti acquisizioni, per migliorare l'indice terapeutico del methotrexate ad alti dosaggi, viene utilizzato il prodotto in un trattamento sequenziale antidotico. In tal modo e' stato possibile ottenere un miglior controllo della patologia tumorale, senza significativiincrementi di tossicita'. Lo schema terapeutico prevede l'impiego delprodotto: per via parenterale, nella prima fase corrispondente all'antidotismo per competizione; per via orale nella seconda fase in cui entra in gioco prevalentemente la componente biochimico-metabolica. Al momento attuale, tuttavia, non risultano definiti con precisione schemiposologici generali. Poiche' il calcio folinato e' un antagonista delmethotrexate, la loro concomitante somministrazione puo' essere attuata solo quando, nei singoli casi, si e' proceduto alla definizione di uno specifico protocollo terapeutico. A tale scopo e' raccomandabile consultare la piu' recente letteratura in materia. Antidoto in caso di superdosaggio di methotrexate: il prodotto, antidoto specifico del methotrexate, consente di neutralizzare gli effetti tossici esercitati dall'antimetabolita sul sistema emopoietico e sulle mucose dell'apparatodigerente. Nel suo ruolo di antidoto viene impiegato a diverse posologie in funzione dell'effetto da ottenere. Nei casi di sovradosaggio accidentale, per ottenere un effetto di competizione si consiglia Citofolin per infusione endovenosa (fino a 100 mg nelle prime 12 ore); per ottenere un effetto biochimico-metabolico si consiglia Citofolin per viaintramuscolare o endovenosa o per via orale (15 mg ogni 6 ore per 4 dosi). Nei casi di effetti collaterali da dosi convenzionali di methotrexate si consiglia Citofolin per via intramuscolare o endovenosa o pervia orale (15 mg ogni 6 ore per 4 dosi). Nei casi di somministrazioneaccidentale, Citofolin dovra' essere assunto in dosi pari o superioria quelle del methotrexate entro la prima ora, risultando meno efficace la somministrazione in tempi successivi.

AVVERTENZE:

Nel trattamento del sovradosaggio da antagonisti dell'acido folico, lasomministrazione del prodotto deve essere effettuata possibilmente entro un'ora, risultando generalmente meno efficace una somministrazionedopo un periodo di 4 ore. Non deve essere somministrato per il trattamento dell'anemia perniciosa o di altre anemie megaloblastiche da carenza di vitamina B12 se non in associazione alla stessa; potrebbe altrimenti verificarsi la remissione dei segni ematologici, mentre le manifestazioni neurologiche rimarrebbero progressive. La terapia va pertanto condotta sotto controllo ematologico. La somministrazione del farmaco deve essere eseguita con attenzione in modo da evitare il pericolo di reazioni allergiche ed effetti collaterali.

INTERAZIONI:

Non sono state segnalate interazioni.

EFFETTI INDESIDERATI:

Non risultano finora per effetti tossici da sovradosaggio anche per dosi molto superiori a quelle terapeutiche. La somministrazione del prodotto puo' essere seguita da reazioni generali di ipersensibilita' (febbre, orticaria, ipotensione arteriosa, tachicardia, broncospasmo, shock anafilattico). Il paziente e' invitato a segnalare al medico curantel'eventuale comparsa di effetti indesiderati non descritti.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Niente da segnalare.