Cibacen

Cibacen è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antipertensivo (ACE inibitore).

INDICAZIONI:

Ipertensione arteriosa. Insufficienza cardiaca congestizia (ICC). Cibacen e' indicato come terapia aggiuntiva in pazienti con ICC che non risponda adeguatamente alla digitale e/o ai diuretici (classi NYHA II -IV).

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso uno dei componenti del prodotto. Precedenti diedema angioneurotico (gonfiore a viso, palpebre, labbra o lingua). Gravidanza. Allattamento.

POSOLOGIA:

IPERTENSIONE. La dose iniziale di benazepril, consigliata per pazientinon trattati con farmaci diuretici, e' di 10 mg una volta al giorno.La dose puo' essere aumentata sino a 20 mg al giorno. La dose massimagiornaliera suggerita per Cibacen e' di 40 mg, in dose singola o in due dosi uguali. Se la riduzione della pressione arteriosa ottenuta conil solo Cibacen non e' sufficiente, si puo' somministrare contemporaneamente un altro farmaco antipertensivo, per esempio un diuretico tiazidico, un calcioantagonista o un betabloccante, iniziando con le dosi piu' basse. In pazienti con insufficienza renale lieve possono essere somministrate le normali dosi di benazepril. In pazienti con malattie renali piu' gravi si consiglia di iniziare con una dose di 5 mg. Tale dose puo' essere aumentata a 10 mg al giorno. Per ottenere una ulteriore una ulteriore diminuzione della pressione arteriosa si puo' aggiungere un diuretico od un altro farmaco antipertensivo. Nei pazienti con gravi malattie del fegato si consiglia di iniziare con una dose bassa (5 mg). INSUFFICIENZA CARDIACA. Cibacen e' indicato come terapia aggiuntiva nei pazienti con insufficienza cardiaca. La dose iniziale raccomandata e' 2,5 mg al giorno. I pazienti dovranno essere strettamente controllati dopo l'assunzione della dose iniziale di Cibacen, dato il rischio di una eccessiva riduzione della pressione arteriosa. La dose dibenazepril puo' essere aumentata a 5 mg una volta al giorno dopo 2-4 settimane di trattamento in pazienti in cui non siano migliorati i sintomi dell'insufficienza cardiaca e non si siano verificati un calo di pressione arteriosa o altri effetti indesiderati inaccettabili. La dosepuo' essere aumentata fino a 10 o 20 mg una volta al giorno, in intervalli di tempo adeguati. In genere e' preferibile il dosaggio unico giornaliero, anche se alcuni pazienti possono rispondere meglio ad una somministrazione giornaliera frazionata in due dosi. Il paziente deve seguire scrupolosamente le indicazioni del medico per quanto riguarda idosaggi da assumere. Nel caso si dimenticasse di assumere una dose, non raddoppiare quella successiva.

INTERAZIONI:

Pazienti che da lungo tempo sono in trattamento con farmaci diuretici(per es. quelli con grave insufficienza cardiaca), o che seguono una dieta a basso contenuto di sale, oppure quelli in dialisi possono sviluppare una notevole riduzione della pressione arteriosa con la somministrazione di Cibacen.

EFFETTI INDESIDERATI:

Gli effetti collaterali riscontrati sono stati generalmente lievi e transitori: disturbi delle vie respiratorie superiori, comparsa di tosseo peggioramento della tosse preesistente; cefalea, senso di fatica, capogiri, dolori muscolo-scheletrici, rinite, nausea; prurito, rash, arrossamenti, vertigini, sonnolenza, insonnia, nervosismo, palpitazioni,dolore toracico, edema periferico, dispepsia, sinusite, sintomi influenzali, disturbi delle vie urinarie, astenia, diarrea, dolore addominale, mal di schiena, faringite; eccessiva riduzione della pressione arteriosa, edema labiale o facciale, gastrite, flatulenza, vomito, costipazione, ansieta, depressione, disturbi della sensibilita, incoordinazione, dispnea, edema generalizzato, diminuzione della libido, impotenza, sudorazione, artrite, tinnito, turbe cardiovascolari, reazioni cutanee. ESAMI DI LABORATORIO. Come con altri ACE inibitori occasionalmentee' stato riscontrato, in pazienti con ipertensione arteriosa essenziale trattati con Cibacen da solo, un lieve aumento dell'azotemia (BUN)e della creatinina sierica, completamente reversibile dopo sospensionedella terapia. Tali lievi aumenti si sono manifestati piu' frequentemente nei pazienti che ricevevano contemporaneamente diuretici o in pazienti con stenosi dell'arteria renale. ICC. Nel corso di studi clinicicontrollati il trattamento e' stato sospeso per cause indipendenti dal farmaco nel 4% dei pazienti in trattamento con Cibacen e nel 3% di quelli in trattamento con placebo. Sono stati trattati con Cibacen 180pazienti con insufficienza cardiaca congestizia in studi clinici controllati con posologie di 2-20 mg/die. L'incidenza di effetti collaterali era simile nei pazienti trattati con Cibacen o con placebo. Solo i capogiri si sono verificati con frequenza significativamente maggiore nei pazienti trattati con Cibacen. Anche crampi muscolari, dolore addominale, senso di fatica, malessere, capogiri posturali si verificavanopiu' frequentemente con Cibacen che con il placebo. D'altra parte, disturbi delle vie respiratorie superiori si sono verificati in percentuali maggiori nei pazienti trattati con placebo. Non si sono riscontrateimportanti variazioni cliniche dei valori medi dei tests di laboratorio.