Bupisolver sir

Bupisolver sir è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Anestetico locale, applicato localmente al tessuto nervoso in concen-trazioni adeguate blocca la trasmissione nervosa.A contatto con il tronco nervoso puo'indurre paralisi sia motoria chesensoriale dell'area innervata. L'azione e'reversibile.

INDICAZIONI:

In ogni tipo di anestesia periferica: infiltrazione locale, troncula-re, loco-regionale, blocco simpatico, peridurale, sacrale, spinalesubaracnoidea. E'indicato in tutti gli interventi di chirurgia genera-le, ortopedica, oculistica, otorinolaringoiatrica, stomatologica,ostetrico-ginecologica, dermatologica, sia da solo che associata anarcosi.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita'gia'nota verso uno dei componenti o sostanze stretta-mente equivalenti dal punto di vista chimico. Il prodotto con adrena-lina e'generalmente controindicato nei cardiopatici, nelle gravi arte-riopatie, negli ipertesi, nei soggetti con manifestazioni ischemichedi qualsiasi tipo o con emicrania essenziale, nei nefropatici, negliipertiroidei e nei diabetici.Il prodotto e'inoltre controindicato nella anestesia intravenosa re-gionale. Da non usarsi in gravidanza accertata o presunta.Controindicato nel blocco paracervicale e nell' anestesia intravenosaregionale (Bier Block).

POSOLOGIA:

Da 2-3 mg a 100-150 mg.E' consigliabile che il dosaggio massimo per un adulto e per singolasomministrazione non superi i 150 mg; la dose di sicurezza che e' benenon superare, sia negli adulti che nei bambini, e' di 2 mg/kg per singola somministrazione.

INTERAZIONI:

Il prodotto con adrenalina deve essere usato con assoluta cautela neisoggetti in trattamento con IMAO o antidepressivi triciclici.

EFFETTI INDESIDERATI:

Reazioni tossiche o allergiche (tremori, eccitazione, disorientamento,vertigine, midriasi, aumento del metabolismo e della temperatura cor-porea e per dosi molto elevate trisma e convulsioni).Se e' interessatoil midollo allungato, si ha compartecipazione dei centri cardiovasco-lare, respiratorio ed emetico con sudorazione, aritmie, ipertensione,tachipnea, broncodilatazione, nausea e vomito. Effetti di tipo perife-rico possono interessare l'apparato cardiovascolare con bradicardia evasodilatazione. Le manifestazioni a carattere locale comprendono eru-zioni cutanee di vario tipo, orticaria, prurito; quelle a caratteregenerale broncospasmo, edema laringeo fino al collasso cardiorespira-torio da shock anafilattico.