Betoptic coll

Betoptic coll è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

BETOPTIC

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Preparati antiglaucoma e miotici.

PRINCIPI ATTIVI:

100 ml contengono: betaxololo cloridrato 0,56 g pari a betaxololo base0,5 g.

ECCIPIENTI:

Benzalconio cloruro, disodio edetato, sodio cloruro, acqua depurata.

INDICAZIONI:

Ipertensione endoculare, glaucoma cronico ad angolo aperto. Pazienti con glaucoma o ipertensione oculare sottoposti a terapia contemporaneacon piu' farmaci antiglaucoma.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' ad uno dei componenti. Pazienti affetti da bradicardia sinusale con blocco maggiore del primo grado, shock cardiogenico. Pazienti con storia di evidente insufficienza cardiaca.

POSOLOGIA:

Una goccia due volte al giorno, secondo prescrizione medica. Quando sicambia terapia ad un paziente gia' trattato con un farmaco antiglaucoma e' necessario continuare per il primo giorno il trattamento con ilfarmaco precedente, aggiungendo una goccia di collirio in ciascun occhio affetto due volte al giorno. Il giorno seguente si passera' alla terapia con solo Betoptic.

CONSERVAZIONE:

Conservare a temperatura non superiore a 25 gradi C. Non deve essere usato oltre 30 giorni dopo la prima apertura del contenitore.

AVVERTENZE:

La data di scadenza si riferisce al confezionamento integro, correttamente conservato. Usare con cautela nei pazienti per i quali sia controindicato l'uso di farmaci beta-bloccanti per via sistemica o che gia'utilizzano beta-bloccanti per via sistemica, pazienti con diabete e sospetto sviluppo di tirotossicosi, pazienti con eccessiva riduzione della funzione polmonare, pazienti con gravi disturbi reattivi alle vie respiratorie. Non sono stati effettuati studi clinici per stabilire lasicurezza e l'efficacia del medicinale nei bambini. Non usare dopo ladata di scadenza indicata sulla confezione esterna e sul flacone.

INTERAZIONI:

Nessuna nota.

EFFETTI INDESIDERATI:

A livello oculare sono stati riportati rari casi di disagio, diminuzione della sensibilita' corneale, eritema, sensazione di prurito, cheratite, anisocoria e fotofobia. A livello sistemico sono stati segnalatiraramente effetti secondari (es. insonnia o neurosi depressiva) dopo instillazione del collirio.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Nelle donne in stato di gravidanza e durante l'allattamento il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessita', sotto il direttocontrollo del medico. Non e' conosciuto se il betaxololo cloridrato viene escreto con il latte materno, per cui alle madri in allattamento il prodotto deve essere somministrato con cautela e sotto il diretto controllo medico.