Bacampicillina pl.

Bacampicillina pl. è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antibiotico battericida appartenente al gruppo delle penicilline semi-sintetiche. E' un profarmaco della ampicillina che viene idrolizzatodurante il passaggio attraverso la parete intestinale con liberazionedi ampicillina, alcool etilico e formaldeide.L'assorbimento intestinale di questo profarmaco e' quasi totale (8%)ede' scarsamente influenzato dal cibo.Viene inattivata dalle penicillinasi e pertanto non e' attiva nei con-fronti dei batteri penicillinasi-produttori.

INDICAZIONI:

Infezioni causate da ceppi sensibili di batteri Gram-positivi e Gram-negativi, in particolare:-Infezioni dell'apparato respiratorio superiore e inferiore;-Infezioni della pelle e dei tessuti molli;-Infezioni intestinali;-Infezioni odontostomatologiche;-Infezioni dell'apparato genito-urinario.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

La bacampicillina e' controindicata in soggetti con nota ipersensibilita' alla penicillina e/o alle cefalosporine. E' controindicata, inoltre, la somministrazione contemporanea di disulfiram. Ipersensibilita' individuale accertata verso i componenti o sostanze strettamente correlate dal punto di visto chimico. Soggetti affetti da mononucleosi infettiva. Generalmente controindicata in gravidanza.

POSOLOGIA:

Adulti e bambini oltre i 7 anni: 1600-2400 mg in 2 somministrazioni/die a seconda della gravita' dell'infezione.

INTERAZIONI:

Allopurinolo ed ampicillina possono fare aumentare la percentuale direazioni esantematiche.

EFFETTI INDESIDERATI:

Come per le altre penicilline ci si possono aspettare reazioni secondarie limitate essenzialmente a fenomeni di sensibilita'. Tali reazionisi verificano piu' facilmente in soggetti con una anamnesi positiva per allergia, asma, febbre da fieno, orticaria. Sono state riferite, associate all'uso di penicilline ad ampio spettro attive per via orale, le seguenti reazioni secondarie:TIPO GASTROINTESTINALE: glossite, stomatite, dolore epigastrico, nausea, vomito, diarrea.REAZIONI DA IPERSENSIBILITA': rash ed eritemi maculo-papulosi; sono stati anche segnalati orticaria, eritema multiforme e occasionalmente dermatite esfoliativa.FENOMENI EPATICI: particolarmente nei lattanti e' stato notato un modesto aumento della SGOT.FENOMENI A CARICO DELL'APPARATO EMO-LINFATICO: anemia, trombocitopenia, porpora trombocitopenica, eosinofilia, leucopenia ed agranulocitosisono condizioni riferite.