Atenololo cl.dorom mi

Atenololo cl.dorom mi è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Aggiungendo all'Atenololo il diuretico, a dosaggi inferiori a quellicomunemente usati con la monoterapia si ottiene un piu' spiccatoeffetto anti ipertensivo, risultante da una razionale complementarietadei rispettivi meccanismi d'azione dei singoli farmaci.

INDICAZIONI:

Ipertensione arteriosa.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Gravidanza, allattamento, grave bradicardia, alterazioni della condu-zione atrio-ventricolare, insufficienza cardiaca, grave insufficienzaepatica e/o renale, gotta manifesta, ipersensibilita' ai componenti.Controindicato nei bambini. Cautela in pazienti asmatici e/o con ma-lattie ostruttive croniche delle vie aeree.

POSOLOGIA:

50 + 12,5. Adulti (compresi gli anziani): La maggior parte dei pazienti con ipertensione arteriosa risponde adeguatamente alla somministrazione di una compressa al giorno. Qualora la risposta non sia considerata soddisfacente, nei pazienti in eta' adulta e' opportuno aumentare ildosaggio (Atenololo 100 mg e Clortalidone 25 mg), mentre nei pazientianziani e' opportuno associare un altro ipertensivo a dosi ridotte, quale un vasodilatatore. I pazienti gia' in trattamento con altri farmaci antiipertensivi possono essere trasferiti direttamente ad AtenololoClortalidone, fatta eccezione per i preparati a base di clonidina. Insufficienza renale: Nei pazienti con insufficienza renale e' necessario modificare lo schema posologico riducendo o la dose giornaliera o lafrequenza delle somministrazioni. Bambini: Non esistono esperienze cliniche relative all'impiego di questo farmaco; pertanto se ne sconsiglia la somministrazione ai bambini. 100 + 25. Adulti: 1 compressa al giorno. La maggior parte dei pazienti con ipertensione arteriosa risponde adeguatamente alla somministrazione di una compressa al giorno. Qualora la risposta non sia considerata soddisfacente, e' necessario associare un altro ipertensivo quale un vasodilatatore, in quanto l'incremento del dosaggio induce un modesto, se non nullo, effetto antiipertensivo aggiuntivo.

INTERAZIONI:

Farmaci antiaritmici di I classe (disopiramide) e verapamil.Poiche' i beta bloccanti possono aggravare il brusco rialzo dei valoripressori che puo'verificarsi dopo sospensione della clonidina, occorreparticolare cautela nella sostitutuzione della clonidina con questofarmaco.Il litio, associato a questo farmaco, puo'diminuire la clearance rena-le.I farmaci simpaticomimetici, come l'adrenalina, possono contrapporsiall'effetto dei beta-bloccanti.

EFFETTI INDESIDERATI:

Iperuricemia, ipopotassiemia, ridotta tolleranza al glucosio.Sistema cardiovascolare: bradicardia, deterioramento della funzionali-ta' cardiaca in pazienti affetti da insufficienza cardiaca,freddo alleestremita'.Puo' aggravare disturbi vascolari preesistenti.Sistema nervoso centrale: confusione, capogiri, cefalea, cambiamentidell'umore, incubi notturni, psicosi e allucinazioni,disturbi del son-no similmente ad altri beta-bloccanti.Sistema gastrointestinale: secchezza delle fauci, disturbi gastrointe-stinali.Altri effetti indesiderati:porpora, trombocitopenia, leucopenia,alope-cia, secchezza degli occhi, reazioni cutanee di tipo psoriasico, rashcutaneo, parestesia. Ai pazienti con asma bronchiale puo' verificarsibroncospasmo.