Asavixin gel rett

Asavixin gel rett è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antinfiammatorio intestinale.

INDICAZIONI:

Colite ulcerosa e morbo di Crohn; trattamento delle fasi attive dellamalattia, prevenzione delle recidive.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' al principio attivo, ad uno qualsiasi degli eccipienti o ad altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico, in particolare, ai salicilati. Pazienti con insufficienza renale conclamata. Nefropatie gravi. Preesistenti ulcere gastriche o duodenali.Il prodotto non va somministrato a pazienti con diatesi emorragica. Bambini di eta' inferiore ai due anni. Evitare l'uso delle compresse nei bambini di eta' inferiore ai sei anni. Generalmente controindicato in gravidanza; controindicato nelle ultime settimane di gestazione e durante l'allattamento.

POSOLOGIA:

Compresse rivestite: 1 compressa 3 volte al giorno. La posologia puo'essere aumentata fino a 8 compresse al giorno nelle forme gravi. L'usodelle compresse e' da evitare nei bambini di eta' inferiore ai sei anni. La durata del trattamento nelle fasi attive e' di 4 - 6 settimane.Durante la remissione della malattia, che richiede una cura di mantenimento di lunga durata per prevenire le recidive, la frequenza e il dosaggio delle compresse rivestite saranno determinati dal medico. Le compresse vanno ingerite intere (non frazionate ne' masticate) con un bicchiere d'acqua e lontano dai pasti. Sospensione rettale: 1 contenitore monodose da 4 grammi una volta al giorno o 1 contenitore monodose da2 grammi due volte al giorno. Per l'applicazione del contenitore monodose e' necessario seguire le seguenti istruzioni: agitare bene primadell'uso; sdraiarsi sul lato sinistro, mantenendo diritta la gamba sinistra e piegando la gamba destra; inserire delicatamente la cannula nell'orifizio anale e premere il flacone con pressione graduale e costante fino al completo svuotamento; girarsi alcune volte sui due fianchiper facilitare la distribuzione del medicamento e rimanere coricati per almeno mezz'ora. Una migliore efficacia del medicinale si ottiene mantenendo il prodotto il piu' a lungo possibile o meglio, lasciandolo in sede per tutta la notte. Gel rettale: Nella fase attiva della malattia, la dose media giornaliera per adulti e' di 1,5 grammi di mesalazina, pari a 3 contenitori monodose di gel, salvo diverso giudizio del medico. Il prodotto va applicato con alvo libero da feci. Per bambini sopra i due anni di eta' le dosi sono proporzionalmente ridotte, secondoprescrizione medica. La durata del trattamento, nella fase attiva, e'di 4-6 settimane. Durante la remissione, che richiede una cura di mantenimento di lunga durata per prevenire le recidive, la frequenza ed ildosaggio saranno determinati dal medico. Per l'applicazione, seguirele seguenti istruzioni: liberare la cannula rettale dal copricannula (sigillo di garanzia); introdurre nell'ano la cannula per tutta la sualunghezza; mantenendo il contenitore a soffietto con due dita sopra laprima aletta, premere sul fondo del flacone per far defluire il gel;spalmare intorno all'area perianale.

INTERAZIONI:

In occasione della somministrazione delle compresse rivestite, va evitata la contemporanea somministrazione di lattulosio o di altre preparazioni che, abbassando il pH del colon, possono ostacolare il rilasciodella mesalazina. Puo' essere potenziato l'effetto ipoglicemizzante delle sulfaniluree. Non si possono escludere interazioni con cumarinici,metotressato, probenecid, sulfinpirazone, spironolattone, furosemidee rifampicina. E' possibile il potenziamento di effetti indesiderati dei corticosteroidi a livello gastrico.

EFFETTI INDESIDERATI:

Sono stati segnalati disturbi gastrointestinali (nausea, epigastralgia, diarrea e dolori addominali) e cefalea. Il prodotto puo' essere raramente associato ad una sindrome da intolleranza acuta, caratterizzatada crampi, dolore addominale, diarrea ematica e, occasionalmente, febbre, cefalea, prurito ed eruzioni cutanee, che richiede la sospensionedel trattamento. Esistono inoltre segnalazioni di leucopenia, neutropenia, trombocitopenia, pancreatite, epatite, nefrite interstiziale, sindrome nefrosica e insufficienza renale. Raramente possono verificarsireazioni di ipersensibilita' ad esempio eruzioni cutanee, febbre); intal caso occorre interrompere immediatamente il trattamento.