Amlodipina doc

Amlodipina doc è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Derivati diidropiridinici.

INDICAZIONI:

Ipertensione essenziale. Angina pectoris cronica stabile e vasospastica.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

E' controindicato in pazienti che soffrono di:ipersensibilita' al principio attivo, ad altre diidropiridine o ad uno qualsiasi degli eccipienti; ipotensione di grado severo; shock, incluso lo shock cardiogenico; insufficienza cardiaca dopo infarto acuto del miocardio (durante i primi 28 giorni); ostruzione del tratto di deflusso dal ventricolo sinistro (ad es. stenosi aortica di livello elevato); angina pectoris instabile.

POSOLOGIA:

Adulti:per il trattamento dell'ipertensione e dell'angina pectoris ladose iniziale e' di 5 mg una volta al giorno. Se l'effetto terapeuticodesiderato non viene ottenuto entro 2-4 settimane, la dose puo' essere aumentata ad un massimo di 10 mg al giorno (somministrati in dose singola) a seconda della reazione individuale del paziente. L'amlodipinapuo' essere utilizzata come monoterapia o in combinazione con medicinali anti-anginosi in pazienti che soffrono di angina pectoris.Bambinie adolescenti:l'utilizzo di amlodipina non e' raccomandato.Per i pazienti anziani e' raccomandata la dose normale, comunque, un aumento della dose deve essere effettuata con attenzione.Insufficienza renale:e' raccomandato il dosaggio normale. L'amlodipina non e' dializzabile.In pazienti con insufficienza epatica, non e' stato definito nessun regimedi dosaggio, quindi l'amlodipina deve essere somministrata con attenzione.Le compresse devono essere prese con un bicchiere di acqua indipendentemente dai pasti.

AVVERTENZE:

Deve essere somministrata con cautela nei pazienti con ridotte riservecardiache. Non vi sono dati per supportare l'utilizzo di amlodipina da sola, durante o entro un mese dall'infarto miocardico. Non e' statastabilita la sicurezza e l'efficacia dell'amlodipina durante le crisiipertensive. I pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca devonoessere trattati con cautela. Uno studio a lungo termine su pazienti che soffrivano di insufficienza cardiaca di grado severo (NYHA classe III e IV) ha mostrato un incremento nell'incidenza di edema polmonare inpazienti trattati con amlodipina rispetto al gruppo del placebo. Comunque, questo non ha indicato un peggioramento dell'insufficienza cardiaca. L'emivita dell'amlodipina e' piu' lunga nei pazienti che soffronodi insufficienza epatica, e non e' stato ancora stabilito un dosaggioraccomandato. Quindi, l'amlodipina deve essere utilizzata con cautelain questi pazienti. In pazienti anziani, si deve fare attenzione quando viene aumentato il dosaggio. L'amlodipina non deve essere somministrata nei bambini, dato che non vi e' sufficiente esperienza clinica. Questo prodotto contiene lattosio. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficienza della Lapp-lattasi o malassorbimento del glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

INTERAZIONI:

Effetti di altri medicinali:inibitori del CYP3A4: uno studio su pazienti anziani ha mostrato che il diltiazem inibisce il metabolismo dell'amlodipina, probabilmente via CYP3A4, poiche' la concentrazione plasmatica aumenta di circa il 50% e l'effetto dell'amlodipina e' aumentato.Non si esclude che inibitori piu' forti del CYP3A4 (ad es. ketoconazolo, itraconazolo, ritonavir) aumentino la concentrazione plasmatica dell'amlodipina in modo maggiore del diltiazem. Si deve prestare attenzione in caso di associazione di amlodipina e inibitori del CYP3A4. Induttori CYP3A4: non vi sono informazioni disponibili sull'effetto degli induttori del CYP3A4 (ad es. rifampicina, iperico o erba di S. Giovanni) sull'amlodipina. Una co-somministrazione potrebbe portare ad una riduzione della concentrazione plasmatica di amlodipina. Si deve prestareattenzione in caso di associazione di amlodipina con induttori del CYP3A4. Effetti su altri medicinali:l'amlodipina puo' potenziare l'effetto di altri farmaci antiipertensivi come gli agenti che bloccano i recettori beta-adrenergici, gli ACE-inibitori, gli agenti alfa-1-bloccanti e i diuretici. In pazienti a rischio elevato (per esempio dopo infarto del miocardio), l'associazione di un bloccante dei canali del calcio con un agente bloccante dei recettori beta-adrenergici puo' portaread insufficienza cardiaca, ipotensione e ad un (nuovo) infarto miocardico. In studi clinici di interazione, l'amlodipina non ha influenzatole proprieta' farmacocinetiche di atorvastatina, digossina, warfarin ociclosporina. Non influenza i test di laboratorio.

EFFETTI INDESIDERATI:

Frequenze: molto comuni(>1/10); comuni(>1/100, 1/1.000, 1/10.000,

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Non vi sono dati adeguati sull'utilizzo nelle donne in gravidanza. Studi su animali hanno mostrato tossicita' riproduttiva ad alte dosi. Ilpotenziale rischio per gli esseri umani non e' noto. L'amlodipina nondeve essere utilizzata durante la gravidanza a meno che i benefici terapeutici superino chiaramente i potenziali rischi del trattamento. None' noto se l'amlodipina viene escreta nel latte materno. Si consigliadi interrompere l'allattamento al seno durante il trattamento con amlodipina.