Aminomal r

Aminomal r è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Broncodilatatore.

INDICAZIONI:

Asma bronchiale, affezioni polmonari con componente spastica bronchiale.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso la teofillina ed altri derivati xantinici. Il preparato e' controindicato nelle donne che allattano. Infarto miocardico acuto. Stati ipotensivi.

POSOLOGIA:

1/2 - 1 compressa ritardo ogni 12 ore, salvo diversa indicazione del medico. Se ne consiglia l'ingestione a stomaco pieno. In caso di aumento di tale posologia e' necessario ricorrere al controllo dei livelli ematici di teofillina (valori terapeutici 10-15 mcg/mL, valori ai limiti della tossicita' 20 mcg/mL).

INTERAZIONI:

Numerosi fattori possono ridurre la clearance epatica della teofillinacon aumenti dei livelli plasmatici del farmaco. Tra questi sono compresi la contemporanea somministrazione di molti farmaci quali: eritromicina, TAO, lincomicina, clindamicina, allopurinolo, cimetidina, vaccino antiinfluenzale, propranololo. In questi casi puo' essere necessarioridurre il dosaggio della teofillina. La fenitoina, altri anticonvulsivanti ed il fumo di sigaretta possono aumentare la clearance della teofillina con riduzione dell'emivita plasmatica. In questi casi puo' essere necessario aumentare il dosaggio di teofillina. In caso di fattori che possono influire sulla clearance della teofillina, si raccomandaun monitoraggio della concentrazione dei livelli ematici del farmacoai fini del controllo del range terapeutico della teofillina. La teofillina non dovrebbe essere somministrata contemporaneamente ad altri preparati xantinici e cautela richiede l'associazione tra teofillina edefedrina o altri simpaticomimetici broncodilatatori.

EFFETTI INDESIDERATI:

Con l'impiego di derivati xantinici possono manifestarsi nausea, vomito, dolore epigastrico, cefalea, irritabilita', insonnia, tachicardia,extrasistolia, tachipnea e occasionalmente albuminuria e iperglicemie.In caso di sovradosaggio, possono comparire crisi convulsive generalizzate tonico-cloniche e aritmie ventricolari gravi. Tali manifestazioni possono costituire i primi segni d'intossicazione. La comparsa di effetti collaterali puo' richiedere la sospensione del trattamento che potra' essere ripreso, se necessario, a dosi piu' basse dopo la scomparsa di tutti i segni e sintomi di tossicita'.