Altosone ung

Altosone ung è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

ALTOSONE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Corticosteroidi, preparati dermatologici.

PRINCIPI ATTIVI:

Mometasone furoato 1 mg.

ECCIPIENTI:

Crema: glicole esilenico, glicole propilenico stearato, cera bianca, vaselina bianca, acqua depurata, titanio diossido, alcool stearilico/Cetomacrogol 1000, alluminio amido octenilsuccinato. Unguento: glicole esilenico, glicole propilenico stearato, cera bianca, vaselina bianca,acqua depurata. Soluzione cutanea: alcool isopropilico, glicole propilenico, idrossipropilcellulosa, fosfato monobasico diidrato, acido fosforico diluito, acqua depurata.

INDICAZIONI:

E' indicato nel trattamento delle dermatosi steroido-sensibili nell'adulto e nel bambino: psoriasi, dermatite atopica, dermatite da contatto, dermatite seborroica, dermatiti irritative, neurodermatiti, eczemi da stasi, disidrosi, pruriti anogenitali, eritemi solari. La soluzionecutanea e' specificamente studiata per il trattamento delle dermatosidel cuoio capelluto e delle altre aree coperte da peli.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

E' controindicato nei soggetti con ipersensibilita' al principio attivo, ad altri corticosteroidi o ad uno qualsiasi degli eccipienti. I cortisonici topici sono controindicati nei pazienti affetti da tubercolosi cutanea, da dermatiti virali (per esempio herpes simplex, herpes zoster, varicella) e da scabbia.

POSOLOGIA:

Applicare uno strato sottile di crema, unguento o poche gocce di soluzione cutanea una volta al giorno, in quantita' sufficiente a ricopriretutta la zona interessata, massaggiando delicatamente fino a completoassorbimento. Nella maggior parte dei casi non e' richiesto bendaggioocclusivo.

CONSERVAZIONE:

Crema e Unguento: nessuna speciale precauzione per la conservazione Soluzione cutanea: trattandosi di una soluzione idroalcolica, il preparato risulta infiammabile.

AVVERTENZE:

In presenza di una infezione cutanea microbica o micotica va istituitauna opportuna terapia di copertura. L'uso, specie se prolungato, deiprodotti per uso topico puo' dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso sospendere il trattamento ed istituire una terapia idonea. L'utilizzo del corticosteroide deve essere sospeso qualora non si verifichi in breve tempo una risposta alla terapia. L'uso del corticosteroide topico deve essere interrotto se si manifesta irritazione. L'applicazione epicutanea dei cortisonici nel trattamento di dermatosiestese e per periodi prolungati puo' determinare un assorbimento sistemico; tale evenienza si verifica piu' facilmente quando si ricorra albendaggio occlusivo. Nei neonati il pannolino puo' fungere da bendaggio occlusivo. La terapia con corticosteroidi topici nel bambino puo' indurre soppressione dell'attivita' surrenalica con una frequenza piu' elevata che nell'adulto, in quanto il rapporto tra l'area della superficie cutanea e il peso corporeo e' maggiore. La sindrome di Cushing e la rarissima ipertensione endocranica ne sono l'espressione clinica. Lasomministrazione protratta e continuativa di steroidi topici puo' interferire con la crescita e con lo sviluppo. Pertanto la somministrazione deve consistere nella minor quantita' di steroide topico atta a ottenere un'efficace risposta terapeutica. Il preparato non puo' essere impiegato per uso oftalmico. Il glicole propilenico contenuto nel medicinale puo' causare irritazione sulla pelle.

INTERAZIONI:

Non sono note a tutt'oggi interazioni medicamentose ed incompatibilita' per mometasone furoato. Vi e' tuttavia da considerare l'eventualita'che il farmaco si possa comportare analogamente agli altri steroidi della stessa categoria.

EFFETTI INDESIDERATI:

Le reazioni collaterali a livello locale di seguito elencate sono state riportate raramente con l'utilizzo di altri glucocorticoidi topici epertanto potrebbero verificarsi con l'utilizzo del mometasone: bruciore, prurito, irritazione, secchezza della pelle, follicoliti, ipertricosi, eruzioni acneiformi, ipopigmentazione, dermatiti periorali, dermatiti allergiche da contatto, macerazione della pelle, infezioni secondarie, atrofia cutanea, strie, e miliaria, foruncolosi, papule e pustole. Con mometasone furoato, seppur raramente ed in genere di lieve entita', sono stati rilevati: sintomi irritativi (prurito, bruciore, sensazioni puntorie), segni di atrofia, follicoliti. L'assorbimento sistemico si puo' verificare nel caso di trattamento di ampie superfici per periodi prolungati, in particolare quando viene utilizzata l'occlusione. Qualsiasi effetto collaterale riportato con la somministrazione di glucocorticoidi, inclusa la soppressione surrenale, si puo' verificareanche con i glucocorticoidi topici, specialmente nei neonati e nei bambini.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Nelle donne in stato di gravidanza e nella primissima infanzia il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessita', sotto il diretto controllo del medico. Si deve evitare l'applicazione su aree estesedella superficie corporea o per periodi di tempo prolungati. Come nelcaso di tutti i glucocorticoidi applicati per via topica in donne instato di gravidanza, deve essere presa in considerazione la possibilita' che la crescita del feto venga influenzata dal passaggio del glucocorticoide attraverso la barriera placentare. I glucocorticoidi vengonoescreti nel latte materno pertanto e' necessario decidere se interrompere l'allattamento o il trattamento con il medicinale, tenendo in considerazione l'importanza del farmaco per la madre.