Alomide coll

Alomide coll è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Decongestionante e antiallergico.

INDICAZIONI:

Congiuntivite atopica, congiuntivite papillare gigante, congiuntiviteprimaverile diagnosticata clinicamente.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso i componenti o altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico. Durante l'allattamento.

POSOLOGIA:

La dose per adulti e bambini e' 1 o 2 gocce in ogni occhio 4 volte algiorno ad intervalli re-golari.I pazienti devono essere avvisati che l'efficacia della terapia con il farmaco e' dipendente dalla sua somministrazione ad intervalli regolari. Un miglioramento dei segni e dei sintomi in risposta alla terapia con il prodotto (diminuzione del sensodi disagio, del prurito, della sensazione di corpo estraneo, del dolore acuto, della lacrimazione, della secrezione, dell'eritema/gonfiore,della congiuntivite bulbare, del limbo e della malattia epiteliale) generalmente si evidenzia entro pochi giorni dall'inizio della terapia,anche se in qualche caso puo' essere necessario un trattamento piu' lungo.

AVVERTENZE:

Limitatamente alla confezione multidose, come con tutte le preparazioni contenenti benzalconio cloruro, i portatori di lenti a contatto morbide (idrofile) dovrebbero astenersi dall'usare le lenti durante il trattamento con il farmaco. Le lenti possono essere riapplicate poche oredopo la fine del trattamento. Non si devono superare le dosi raccomandate. Il prodotto non va iniettato.

INTERAZIONI:

Nessuna nota.

EFFETTI INDESIDERATI:

Negli studi clinici controllati il piu' comune effetto indesiderato riportato e' una leggera e transitoria sensazione di disagio in seguitoad instillazione (8,7% dei pazienti) manifestatasi come bruciore, prurito o lacrimazione. Comunicare al proprio medico o farmacista l'eventuale comparsa di qualsiasi effetto indesiderato non descritto nel foglio illustrativo.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

Gli studi sulla riproduzione condotti in seguito a somministrazione orale di lodoxamide a ratti e conigli non hanno mostrato effetti sulla fertilita' e sulla funzione riproduttiva o evidenza di embriotossicita'o tossicita' peri-e post-natale. Tuttavia, dal momento che non sono stati condotti studi specifici sulle donne in stato di gravidanza, in questo caso, il prodotto va somministrato solo in caso di effettiva necessita', sotto il diretto controllo del medico. Non e' noto se la lodoxamide viene escreta con il latte materno, per cui nelle madri in allattamento, occorre decidere se rinunciare a nutrire al seno il lattanteo, viceversa, proseguire l'allattamento evitando la somministrazionedel medicinale.