Alfuzosina teva

Alfuzosina teva è indicato per il trattamento di:

DENOMINAZIONE:

ALFUZOSINA TEVA

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antagonista dei recettori alfa-1 adrenergici.

PRINCIPI ATTIVI:

Alfuzosina cloridrato.

ECCIPIENTI:

Lattosio monoidrato, ipromellosa (E464), povidone K25, magnesio stearato.

INDICAZIONI:

Trattamento dei sintomi funzionali, di moderata e grave entita', dell'iperplasia prostatica benigna (BPH).

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' all'alfuzosina, ad altre chinazoline (per esempio, terazosina, doxazosina) o a uno qualsiasi degli eccipienti; patologie che determinano ipotensione ortostatica; insufficienza epatica.

POSOLOGIA:

Uso orale. La compressa a rilascio prolungato deve essere inghiottitaintera con una quantita' sufficiente di liquido (per esempio, un bicchiere di acqua). Le compresse non vanno frantumate, masticate, ne' divise. La prima dose andrebbe assunta prima di andare a letto. La compressa da 10 mg a rilascio prolungato va assunta ogni giorno immediatamente dopo lo stesso pasto. Adulti: 1 compressa da 10 mg al giorno. Anziani (oltre i 65 anni di eta'): come per gli adulti. I dati farmacocinetici e relativi alla sicurezza clinica dimostrano che nei pazienti anziani solitamente non si rende necessaria alcuna riduzione della dose. Insufficienza renale. Insufficienza renale da lieve a moderata (clearance della creatinina >30 ml/min): solitamente non e' necessaria alcuna riduzione della dose. Grave insufficienza renale (clearance della creatinina

CONSERVAZIONE:

Conservare il blister nella confezione originale, per tenerlo al riparo dalla luce. Conservare a temperatura inferiore a 30gradiC.

AVVERTENZE:

Il paziente deve essere visitato prima di iniziare la terapia con l'alfuzosina, allo scopo di escludere la presenza di altre patologie che potrebbero provocare sintomi analoghi a quelli dell'iperplasia prostatica benigna. L'alfuzosina 10 mg non deve essere somministrata ai pazienti con una funzionalita' renale gravemente compromessa (clearance della creatinina

INTERAZIONI:

Associazioni sconsigliate. Agenti bloccanti del recettore alfa-1: potenziamento dell'effetto ipotensivo, rischio di grave ipotensione ortostatica. Potenti inibitori del CYP3A4 (ketoconazolo, itraconazolo, ritonavir, claritromicina, eritromicina): aumento della concentrazione plasmatica dell'alfuzosina e aumento del rischio di effetti indesiderati.Associazioni da prendere in considerazione. Farmaci anti-ipertensivi:effetto anti-ipertensivo e rischio di potenziamento dell'ipotensione (effetto cumulativo). Preparazioni contenenti nitrati: la somministrazione di un anestetico a un paziente in terapia con l'alfuzosina puo' provocare una profonda ipotensione. Si raccomanda di interrompere l'assunzione delle compresse 24 ore prima di un intervento chirurgico.

EFFETTI INDESIDERATI:

Molto comuni (>=1/10), comuni (da >1/100 a 1/1000 a 1/10.000 a