Addofix

Addofix è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Farmaco per disturbi funzionali gastrointestinali.

INDICAZIONI:

Trattamento sintomatico delle manifestazioni spastico-dolorose del tratto gastroenterico e genito-urinario.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Glaucoma ad angolo acuto. Ipertrofia prostatica o altre cause di ritenzione urinaria. Stenosi pilorica ed altre condizioni stenosanti ilcanale gastroenterico. Ileo paralitico, colite ulcerosa, megacolon. Esofagite da reflusso. Atonia intestinale dell'anziano e dei soggetti debilitati. Miastenia grave. Bambini di eta' inferiore ai 6 anni.

POSOLOGIA:

I seguenti dosaggi sono consigliati per adulti e ragazzi di eta' superiore ai 14 anni. 1-2 compresse rivestite 3 volte al giorno. Le dosi singole possono essere aumentate secondo il giudizio del medico. Nei bambini di eta' compresa tra i 6 ed i 14 anni occorre consultare il medico e seguire esattamente le sue indicazioni. Le compresse devono essereassunte intere con una adeguata quantita' di acqua.

AVVERTENZE:

Gli anticolinergici possono prolungare il tempo di svuotamento gastrico e determinare stasi dell'antro. La somministrazione di farmaci anticolinergici come la joscina butilbromuro puo' provocare un aumento della pressione intraoculare in pazienti in cui non sia stato diagnosticato e quindi non sia stato trattato il glaucoma ad angolo acuto. Quindi,in caso i pazienti accusino dolore ed arrossamento oculare con perdita della visione dopo la somministrazione di joscina butilbromuro, essisi devono rivolgere urgentemente al medico oculista. Tutti gli antimuscarinici riducono il volume delle secrezioni bronchiali; di cio' bisogna tenere conto nel caso di soggetti con affezioni infiammatorie croniche ostruttive dell'apparato respiratorio. Gli anticolinergici devonoessere usati con prudenza negli anziani, nei pazienti con turbe del sistema nervoso autonomo, nelle tachiaritmie cardiache, nell'ipertensione arteriosa, nell'insufficienza cardiaca congestizia, nell'ipertiroidismo e nei portatori di affezioni epatiche e renali. Prudenza deve anche essere usata nei pazienti affetti da glaucoma e in quelli suscettibili di stasi intestinale ed urinaria. Il trattamento con dosi elevatenon deve essere bruscamente interrotto. Gli effetti collaterali di minore entita' possono essere controllati riducendo opportunamente la dose; la comparsa di importanti manifestazioni secondarie richiede l'interruzione della terapia. Il medicinale contiene Saccarosio quindi i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio,da malassorbimento di glucosio- galattosio, o da insufficienza di sucrasi isomaltasi, non devono assumere questo medicinale.

INTERAZIONI:

L'effetto anticolinergico di antidepressivi triciclici, fenotiazine, butirrofenoni, antiistaminici, chinidina, amantadina e diisopiramide puo' essere accentuato dalla Joscina Butilbromuro. Il trattamento concomitante con antagonisti della dopamina, come la metoclopramide, puo' determinare una riduzione dell'effetto di entrambi i farmaci sul trattogastro-intestinale.La tachicardia indotta da farmaci beta-adrenergicipuo' essere accentuata da Joscina Butilbromuro. Non assumere alcool durante la terapia. Poiche' gli antiacidi possono ridurre l'assorbimentointestinale degli anticolinergici, questi farmaci non debbono esseresomministrati contemporaneamente.

EFFETTI INDESIDERATI:

Sono stati osservati effetti indesiderati anticolinergici come secchezza della mucosa del cavo orale, alterazioni della sudorazione, tachicardia, midriasi, turbe dell'accomodazione, aumento del tono oculare, stipsi, difficolta' della minzione e sonnolenza generalmente di lieve entita' ed autolimitanti. Occasionalmente sono state descritte reazionidi ipersensibilita' che si possono manifestare con orticaria, pruritoed altre eruzioni cutanee. Dosi elevate possono determinare segni di stimolazione centrale e piu' gravi segni di interferenza con il sistemanervoso, lo stato di coscienza e la funzione cardio-respiratoria. Sono stati riportati isolati casi di anafilassi con episodi di dispnea eshock.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:

La lunga esperienza non ha mostrato effetti negativi durante il periodo di gravidanza nelle pazienti. Comunque, nelle donne in stato di gravidanza, soprattutto nel primo trimestre, utilizzare il prodotto solo in caso di effettiva necessita' e sotto il diretto controllo del medico. Non e' stata ancora accertata la sicurezza di impiego della joscinabutilbromuro durante l'allattamento. Comunque non sono state riportatereazioni avverse nei neonati.