Aciclovir recordati ev

Aciclovir recordati ev è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

Antivirale per uso sistemico.

INDICAZIONI:

Infezioni da Herpes simplex e da Varicella-zoster in pazienti immunocompromessi. Profilassi delle infezioni da Herpes simplex in pazienti gravemente immunocompromessi.Forme ricorrenti di infezioni da virus Varicella-zoster e forme gravi di Herpes genitalis primario in soggetti con normale funzione immunitaria. Encefalite da virus Herpes simplex, con limitazione dell'impiego agli ospedali e Case di Cura. Trattamento delle infezioni da Herpes simplex nei neonati.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Ipersensibilita' verso i componenti o altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico. Generalmente controindicato in gravidanza e nell'allattamento.

POSOLOGIA:

ADULTI. Nei pazienti con normale funzionalita' renale il dosaggio e' di 5 mg/kg ogni 8 ore, nelle infezioni da Herpes simplex (con l'eccezione dell'encefalite erpetica) e nelle forme ricorrenti di infezioni davirus Varicella-zoster (in caso di normale funzione immunitaria). Neipazienti immunocompromessi con infezioni da virus Varicella-zoster edin quelli con encefalite da virus Herps simplex, la posologia e' di 10mg/kg ogni 8 ore purche' la funzione renale non sia compromessa. Ognidose deve essere iniettata per fleboclisi in un tempo di almeno 1 ora. BAMBINI. La dose di Aciclovir puo' essere calcolata in base alla superficie corporea. Nei bambini tra i 3 mesi ed i 12 anni cio' consenteun metodo piu' accurato per il calcolo della dose. 5 mg/kg sono ugualia circa 250 mg/m2 di superficie corporea; 10 mg/kg sono equivalenti acirca 500 mg/m2. La posologia nei bambini va pertanto basata sull'equivalente dose per gli adulti calcolata in base alla superficie corporea. Analogamente appropriate modifiche del dosaggio saranno necessariein relazione al grado di una eventuale compromissione della funzione renale. NEONATI. La dose di Aciclovir deve essere calcolata sulla basedel peso corporeo. Nei neonati con infezioni da Herpes simplex la posologia di Aciclovir e' di 10 mg/kg di peso corporeo ogni 8 ore. ANZIANI. Nell'anziano la clearance totale dell'Aciclovir diminuisce di pari passo con la clearance della creatinina. Si deve pertanto stabilire conparticolare cura la riduzione del dosaggio per i pazienti anziani conridotta clearance della creatinina. DURATA. La somministrazione va continuata per 5 giorni; tuttavia la sua durata puo' essere modificata in base alle condizioni del paziente ed alla risposta terapeutica. Nella terapia dell'encefalite erpetica e delle infezioni neonatali da Herpes simplex la somministrazione va continuata per 10 giorni. La duratadella somministrazione profilattica e' determinata dal periodo di rischio.

INTERAZIONI:

Il Probenecid aumenta l'emivita media e l'area sotto la curva delle concentrazioni plasmatiche dell'Aciclovir. Altri farmaci che interferiscono sulla funzionalita' renale potrebbero modificare la farmacocinetica dell'Aciclovir. Tuttavia, nella pratica clinica, non si sono osservate altre interazioni con l'Aciclovir.

EFFETTI INDESIDERATI:

Occasionalmente dopo somministrazione di Aciclovir possono aversi rapidi aumenti della creatininemia e dell'azotemia. Si ritiene che cio' sia in relazione al picco delle concentrazioni plasmatiche ed allo statodi idratazione del paziente. Il farmaco va pertanto somministrato perfleboclisi lenta e deve essere assicurata una adeguata idratazione del paziente. La ridotta funzionalita' renale, che si puo' osservare durante il trattamento, generalmente risponde rapidamente all'idratazionee/o alla riduzione del dosaggio o alla sospensione della terapia. Tuttavia, in casi eccezionali si puo' avere insufficienza renale acuta. Grave infiammazione locale e talvolta ulcerazioni della pelle si sono verificate in caso di stravaso accidentale dell'Aciclovir nei tessuti che circondano i vasi sanguigni. In pazienti in terapia con Aciclovir si sono osservate reazioni neurologiche reversibili quali abnubilamentodel sensorio, tremori, agitazione, allucinazioni, sonnolenza, psicosi, convulsioni, coma, generalmente in soggetti con varie complicanze. Altri effetti indesiderati: nausea e vomito, aumento degli enzimi epatici, riduzione di alcuni indici del sangue (anemia, riduzione delle piastrine e dei leucociti), eruzioni della pelle e febbre.