Aciclovir dorom sosp

Aciclovir dorom sosp è indicato per il trattamento di:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:

E' un antivirale attivo contro i virus Herpes simplex tipo 1 e 2 eVaricella zoster, a scarsa tossicita'per le cellule ospiti.Inibisce la DNA-polimerasi virale bloccando il proseguimento dellasintesi, senza interferire con i normali processi cellulari.E' assorbito solo parzialmente a livello intestinale.Non comporta rischi genetici per l'uomo.Non e'cancerogeno.

INDICAZIONI:

Trattamento delle infezioni da Herpes simplex della pelle e delle mu-cose, compreso l'Herpes genitalis primario e ricorrente.Trattamento dell'Herpes zoster e della varicella.Soppressione delle recidive da Herpes simplex nei paziemti immunocom-petenti. Profilassi delle infezioni da Herpes simplex nei pazienti im-munocompromessi.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI:

Gravidanza, allattamento. Bambini sotto i 2 anni per il trattamentodella varicella.

POSOLOGIA:

CREMA: Deve essere applicato cinque volte al giorno, ad intervalli dicirca quattro ore, sulle lesioni, o sulle zone dove queste stanno sviluppandosi, al piu' presto possibile dopo l'inizio dell'infezione. E' particolarmente importante iniziare il trattamento degli episodi recidivanti durante la fase dei prodromi (i primi sintomi dell'infezione, ossia prurito e/o bruciore e/o dolore) o al primo apparire delle lesioni. Il trattamento deve continuare per almeno cinque giorni e fino ad unmassimo di dieci se non si e' avuta guarigione. COMPRESSE E SOSPENSIONE: ADULTI. Trattamento delle infezioni da herpes simplex: 200 mg (pari a 2,5 ml di sospensione orale) 5 volte al giorno ad intervalli di circa 4 ore, omettendo la dose notturna. Il trattamento va continuato per 5 giorni ma puo' rendersi necessario un prolungamento nei casi di infezioni primarie gravi. Nei pazienti gravemente immunocompromessi (ades. dopo un trapianto midollare) o nei pazienti con un diminuito assorbimento intestinale, il dosaggio puo' essere raddoppiato a 400 mg in compresse o 5 ml di sospensione orale o, in alternativa, puo' essere valutata l'opportunita' di una somministrazione di aciclovir per via endovenosa. La terapia va iniziata prima possibile e, nel caso di infezioni recidivanti, preferibilmente durante la fase prodromica o all'apparire delle prime lesioni. Terapia soppressiva delle recidive delle infezioni da herpes simplex nei pazienti immunocompetenti: 200 mg (pari a2,5 ml di sospensione orale) 4 volte al giorno ad intervalli di 6 ore.Molti pazienti possono essere trattati, con successo, con la somministrazione di 400 mg in compresse o 5 ml di sospensione orale 2 volte algiorno ad intervalli di 12 ore. Possono risultare efficaci anche dosaggidi 200 mg 3 volte al giorno ad intervalli di 8 ore o 2 volte al giorno ad intervalli di 12 ore. In alcuni pazienti si possono verificarerecidive dell'infezione con una dose totale giornaliera di 800 mg di Aciclovir. La terapia dovrebbe essere interrotta periodicamente ad intervalli di 6 o 12 mesi, per poter osservare eventuali mutamenti nella storia naturale della malattia. Profilassi delle infezioni da herpes simplex nei pazienti immunocompromessi: 200 mg (pari a 2,5 ml di sospensione orale) 4 volte al giorno ad intervalli di 6 ore. Nei pazienti gravemente immunocompromessi (ad es. dopo un trapianto midollare) o nei pazienti con un diminuito assorbimento intestinale il dosaggio puo' essereraddoppiato a 400 mg in compresse o 5 ml di sospensione orale o, inalternativa, puo' essere valutata l'opportunita' di una somministrazione di aciclovir per via endovenosa. La durata della profilassi va considerata in relazione con quella del periodo di rischio. Trattamento dell'herpes zoster: 800 mg in compresse o 10 ml di sospensione orale 5volte al giorno ad intervalli di circa 4 ore, omettendo la dose notturna. Il trattamento deve essere continuato per 7 giorni. Nei pazienti gravemente immunocompromessi (ad es. dopo un trapianto midollare) o neipazienti con un diminuito assorbimento intestinale, puo' essere valutata l'opportunita' di una somministrazione di aciclovir per via endovenosa. La terapia va iniziata subito dopo la comparsa dell'infezione, infatti il trattamento ottiene risultati migliori se instaurato all'apparire delle prime lesioni. BAMBINI: per il trattamento delle infezionida Herpes simplex e per la profilassi delle stesse negli immunocompromessi, nei bambini di eta' superiore a 2 anni il dosaggio e' simile aquello degli adulti. Sotto i 2 anni il dosaggio e' ridotto della meta'. Non sono disponibili dati specifici circa la soppressione delle infezioni da Herpes simplex od il trattamento dell'Herpes zoster nei bambini immunocompetenti. Per il trattamento dell'Herpes zoster nei bambiniimmunocompromessi andra' presa in considerazione la somministrazionedi aciclovir per via endovenosa. ANZIANI: nell'anziano la clearance totale diminuisce con il diminuire della clearance della creatinina associato all'avanzare dell'eta'. Nei pazienti che assumono alte dosi di Aciclovir per via orale deve essere mantenuta una adeguata idratazione.Particolare attenzione deve essere posta nel valutare l'opportunita'di una riduzione del dosaggio in caso di pazienti anziani con funzionalita' renale compromessa. INSUFFICIENZA RENALE: Il prodotto non va usato in pazienti con patologie renali.

INTERAZIONI:

Il Probenecid ne aumenta l'emivita.

EFFETTI INDESIDERATI:

Rash cutanei, nausea, vomito, diarrea, dolori addominali. Occasional-mente: vertigini, allucinazioni, stato confusionale, sopore, general-mente in pazienti con insufficienza renale; diffusa e rapida caduta dei capelli, modesto innalzamento dei valori di bilirubina, degli enzimiepatici, dell'urea e della creatinina, mal di testa e affaticamento.